L'Arte stanca, 1993
Acciaio inox e cuscinetti a sfera
60 × 3200 × 60 cm

Installazione al  Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci, Prato


Photo © Antonio Maniscalco

IN FORMA, Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci, Prato
12 giugno - 9 settembre 1993 a cura di Ida Panicelli

La panca mobile

Nei musei la panca è il luogo del riposo contemplativo ed elemento d’arredo convenzionale.
La panca mobile in acciaio, L’Arte stanca, (1993), appoggiata su  una serie di supporti fissati a pavimento e muniti di sfere reggenti per lo scorrimento, consentiva al pubblico seduto di attraversare diagonalmente le sale del Museo Pecci di Prato toccandone le estremità.
L’apparente elemento d’arredo, potendo scorrere da un estremo all’altro del museo, perdeva la rassicurante staticità: l’utilizzo e il suo movimento conferivano “funzione”, una proprietà che non appartenendo alla sfera dell’arte introduce un attributo nuovo sul quale si svilupperà il lavoro successivo di Cavenago.

Installazione al  Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci, Prato

Photo © Antonio Maniscalco

Installazione al  Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Peccii, Prato

Photo © Antonio Maniscalco

Installazione al  Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci, Prato

Photo © Antonio Maniscalco

Installazione al  Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci, Prato

Photo @ Umberto Cavenago

Installazione al  Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci, Prato

Photo @ Nadia Ponci

Installazione al  Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci, Prato

Photo @ Umberto Cavenago

Installazione al  Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci, Prato

Photo @ Umberto Cavenago

Installazione al  Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci, Prato

Photo @ Umberto Cavenago